Roma Est Magazine

News

Guidonia/Venturiello (FI): “Lavoriamo perché Forza Italia sia politicamente rappresentativa e competitiva sul piano elettorale”

Guidonia/Venturiello (FI): “Lavoriamo perché Forza Italia sia politicamente rappresentativa e competitiva sul piano elettorale”
09 marzo
10:00 2017

Il documento che esclude dalla candidatura a sindaco del centrodestra di Guidonia i consiglieri e gli assessori uscenti viene definito “presunto”. Entra a gamba tesa l’ex capogruppo di Michele nel dibattito tutto interno al centrodestra, ancora alla ricerca di un candidato primo citadino e dei relativi rapporti ed equilibri interni alla coalizione. “Lavoriamo perché sia politicamente rappresentativa e competitiva sul piano elettorale. Quel presunto documento, votato da un comitato che è stato costituito a scopo organizzativo, per organizzare riunioni e predisporre gazebo e sicuramente non per dettare linee politiche, come si può dedurre dal fatto che esso non dà immagine in nessun modo della composizione politica ed elettorale del mio partito, non è rappresentativo”. Ce n’è anche per il portabandiera Andrea Mazza, al quale Venturiello chiede di ricominciare “a lavorare per arrivare ad esprimere, nei prossimi giorni, quello che a spetta di diritto in virtù del risultato elettorale delle ultime due tornate amministrative, l’individuazione di un candidato sindaco credibile che sappia fare bene per la nostra città. La selezione, ne sono convinto, sarà basata su principi seri: la capacità politica, la conoscenza amministrativa, un curriculum di peso”. Ma non solo, perché Venturiello si rivolge anche con chi “non collabora a questo fine certo non fa il bene di , o forse prova a lavorare contro i nostri elettori in modo mal celato, cercando di allontanare capacità e consenso dal partito con futili diktat autoreferenziali, e con la riproposizione di schemi della vecchia politica. Non posso considerare – prosegue l’avvocato – in modo diverso le pretese poste da chi, nel mio partito, parla senza nemmeno esservi tesserato; né è accettabile che si trasformi in privilegio l’aver rinunciato a candidarsi alle ultime elezioni per racimolare preferenze a vantaggio della candidatura degli amici”. Il fronte è rovente dunque, in e nell’intero centrodestra, alla ricerca di equilibri che non arrivano. Il punto verrà fatto nella riunione prevista per il prossimo lunedì e convocata alla Pisana da Adriano Palozzi, segretario provinciale azzurro. “In questa sede chiederò una affermazione ferma e concreta per ristabilire la centralità di rispetto alle possibili alleanze elettorali”, chiude l’avvocato. Chissà cosa ne pensano Fratelli d’Italia e Noi con Salvini.

Commenti