Monterotondo / “Open Space – Punto Giallo Blu”, il progetto della Uisp: venerdì 24 novembre la presentazione

In Spazio al Sociale, Sport da Yari RiccardiLascia un commento

Condividi

Lo sport abbinato alla valorizzazione di spazi pubblici, strumenti di riattivazione sociale e di contrasto all’emarginazione. Si chiama Open Space – Punto Giallo Blu il progetto della Uisp che sarà presentato venerdì 24 novembre alle 17 nel corso di un convegno che si terrà presso la Sala Conferenze della biblioteca di Monterotondo “Paolo Angelani”.

L’iniziativa si rivolge ai ragazzi dai 16 ai 24 anni in condizione di svantaggio e vulnerabilità, rendendoli protagonisti di percorsi di crescita personale attraverso la valorizzazione di spazi, vitali e sociali, riprogettati e vissuti in maniera stimolante e motivante, praticando sport di strada.

Quello proposto a Monterotondo è uno degli undici analoghi progetti attivati a livello nazionale dalla Uisp: con il finanziamento – unico nel Lazio – del Ministero delle Politiche Sociali viene prevista la riqualificazione dei campi di calcetto e di basket del parco Arcobaleno (già ex Onmi), la fornitura di materiali e attrezzature necessarie alle attività di Calcetto “a cinque” e Basket “tre contro tre”, in collaborazione con le associazioni di volontariato sociale della città e soprattutto con il coinvolgimento di ragazzi e ragazze disoccupati e fuori dall’ambito scolastico.

“I partecipanti, costituiti in crew, equipaggi sociali per la valorizzazione dei luoghi comuni, daranno vita a laboratori di co-progettazione, ripensando gli spazi a disposizione e il loro utilizzo ad uso sportivo e sociale, guidati  – scrive il Comune in una nota – da operatori Uisp i quali svolgeranno un ruolo di guida e di interfaccia in termini di trasmissione di strumenti e metodologie che rimarranno ai ragazzi come patrimonio di conoscenza acquisite”.

L’iniziativa ha il patrocinio degli Assessorati allo Sport e Volontariato sociale e Politiche sociali e della Partecipazione: alla presentazione è attesa la presenza della Uisp territoriale, di rappresentanti delle associazioni di volontariato, delle cooperative sociali e delle parrocchie.

 

 

Condividi