Monterotondo / Elogi e complimenti per il centro vaccinazioni dell’ospedale: le parole di due mamme

In Roma Est da Roma Est MagazineLascia un commento

Condividi

“Scrivo una volta tanto non per lamentele ma per congratularmi con tutto il personale addetto al centro vaccinale pediatrico”. Parole dolci quelle ricevute dal centro vaccinazioni pediatrico dell’ospedale di Monterotondo.

Il primo elogio arriva da una mamma. “Mi sono recata presso il centro ieri per vaccinare la mia bimba di un anno, e con sorpresa ho trovato un posto davvero accogliente, considerando che è una struttura pubblica, con colori, disegni alle pareti, peluche e tanti libri da leggere ai piccoli in attesa. Mi sono sempre trovata bene, ho anche un bimbo di 3 anni, quindi sono diversi anni che frequento il centro, per la cordialità e la sensibilità nei riguardi dei bimbi in un momento comunque delicato per loro, ma ultimamente trovo ogni volta una nuova iniziativa per lasciare ai bimbi un bel ricordo dell’esperienza vaccini: una caramella, l’attestato del coraggio, questa volta un palloncino. Sono piccoli gesti, sicuramente su iniziativa del personale direttamente esposto al pubblico, che lasciano piacevolmente sorpresi, e che non sono affatto scontati”.

Piccoli gesti, che per la signora racchiudono un grande significato. “Voglio dire grazie a tutti e continuate così perchè anche se può sembrare una goccia nel mare ci riempie il cuore di speranza per avere dei servizi pubblici sempre più vicini ai cittadini”.

Sulla stessa linea un altro commento di una donna. “Sono a scrivervi per fare un ringraziamento speciale al gruppo di medici ed infermiere che sono presenti nella struttura Asl Roma 5 di Monterotondo Scalo, in particolare nel settore delle vaccinazioni e nell’ospedale SS. Gonfalone, nel reparto analisi. Per me che sono oramai dal 2010 che, a causa del ‘brutto’ male che ha colpito mio padre e con cui continuiamo a lottare, frequento le diverse strutture sanitarie è raro imbattermi in figure così disponibili, accoglienti e professionali”.

Una conferma anche dopo l’arrivo dei bambini. “Mi rendo ancora più conto quanto sia fondamentale l’ambiente sanitario che si incontra. Il mio vuole essere un semplice grazie, parola che racchiude un valore infinito ma che al giorno d’oggi spesso si dimentica di usare. Non ricordo e non so i nomi di tutti ma il mio grazie va in particolare al Dott. Giancarlo Corbelli e all’assistente Sig.ra Nicoletta Nicosia che con solerzia, professionalità e pazienza accolgono le famiglie con i loro piccoli. Questa è la buona sanità che si deve valorizzare! Continuate così, tutti, con amore e passione!!”.

Storie belle, che vale la pena diffondere. Perché su queste cose poggia un futuro di fiducia nella sanità e nelle istituzioni tutte. C’è bisogno di storie così.

Condividi