Tivoli / Via Empolitana, la Regione finanzia la messa in sicurezza

In In Evidenza da Roma Est MagazineLascia un commento

Condividi

L’annuncio arriva dall’assessore ai Lavori Pubblici regionale Mauro Alessandri. “Sarà la Regione Lazio a finanziare le opere complementari per la messa in sicurezza della SP 33/a ‘Empolitana’, interessata da diversi fenomeni franosi nel tratto adiacente il Ponte degli Arci, a Tivoli, causati delle avverse condizioni metereologiche che hanno colpito l’area lo scorso 10 maggio”, così l’ex sindaco di Monterotondo in una nota.

Lavori che avrebbero dovuto essere a carico dell’ex Provincia di Roma, competente per quel tratto di strada. Alessandri spiega i motivi che hanno portato a questa scelta. “Vista l’attuale indisponibilità di risorse economiche da parte della Città Metropolitana di Roma Capitale, che ha competenza sul tratto di strada, la Regione Lazio ha autorizzato l’esecuzione dei lavori necessari, ricomprendendoli nell’appalto in corso per la Variante al Ponte degli Arci. In questo modo si è evitata l’apertura di una nuova infrastruttura che avrebbe compromesso il completamento dell’opera principale, ormai in avanzato stato di realizzazione”.

I sondaggi geologici sono già in corso, necessari per definire la natura di un intervento che, con tutta probabilità, “prevederà l’esecuzione di palificate di sostegno e piccole porzioni di gabbionate metalliche, per un costo complessivo di circa 400mila euro. Una volta terminate le indagini geologiche e definito il progetto esecutivo delle opere si partirà immediatamente con i lavori che saranno portati a termine entro la fine del mese di agosto, al fine di consentire le normali condizioni di transitabilità prima dell’inizio del prossimo anno scolastico”.

Un esempio di “buone pratiche”, questo il messaggi che Alessandri lascia intendere. “Questo tipo di intervento – conclude l’assessore – dimostra l’importanza e la necessità di una continua collaborazione tra Enti che, nello specifico, ha consentito di non vanificare gli importanti risultati fin qui raggiunti per il completamento dell’opera principale, previsto per la fine del 2018”.

Condividi