Tivoli / Integrazione e sport con il progetto “Corro ma non scappo”

In Roma Est, Spazio al Sociale, Sport da Yari Riccardi Commenti

Condividi

“Corro ma non scappo”. È questo il nome del progetto ospitato dal Comune di Tivoli sabato 24 giugno in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato. Cittadini e una cinquantina di migranti ospiti di vari centri di accoglienza hanno partecipato all’iniziativa promossa dalla cooperativa sociale Tre Fontane in collaborazione con alcune associazioni locali: l’obiettivo era quello di coinvolgere e sensibilizzare la cittadinanza sui temi legati all’accoglienza e all’integrazione nel territorio.

Le attività hanno preso il via alle ore 17 al Parco Sogno di Malala di Villa Adriana, dove cittadini e migranti si sono ritrovati per correre insieme una maratona di 3 chilometri. A dare il via il sindaco di Tivoli Giuseppe Proietti: dopo aver tagliato il traguardo cittadini e migranti sono stati coinvolti in altri sport, su tutti calcio, basket e tiro con l’arco.

“Corro ma non scappo” è stata anche l’occasione per conoscere tradizioni e usanze dei migranti originari dell’Africa subsahariana. Dal vivo si sono infatti esibiti in spettacoli di musica e danze tipiche del proprio Paese di provenienza, allietando la serata tiburtina.

“È stata una giornata scandita dalla voglia di integrazione e amicizia tra popoli.  È assolutamente possibile  – spiega Marco Zonnino, Presidente della cooperativa sociale Tre Fontane – un’accoglienza che arricchisca i cuori e il bagaglio culturale di ognuno di noi. Un grazie sentito a tutti i nostri collaboratori. Senza il loro impegno e senza i loro valori nulla di quello che abbiamo raggiunto si sarebbe potuto ottenere”.

L’iniziativa ha avuto il patrocinio del Comune di Tivoli ed è stata sponsorizzata da Decathlon e Network+Vista, per un evento che ha coinvolto i centri d’accoglienza di Tivoli, Guidonia, Giannetta, Riserva Nuova, San Vito Romano, Pisoniano e Altipiani e le associazioni Tivoli Marathon, Podistica solidarietà, Sempre di Corsa, Panta Rei, Centro culturale Vincenzo Pacifici, Tivoli Libera Tutti e la Casa delle culture.

Condividi