Guidonia / Striscione di Forza Nuova contro l’incontro sulla Resistenza

In Roma Est da Yari RiccardiLascia un commento

Condividi

L’incontro sulla Resistenza partigiana promosso dal Comune di Guidonia era in programma nel pomeriggio di sabato 21 aprile. Nella mattina tra venerdì e sabato i militanti di Forza Nuova Guidonia hanno “accolto” la manifestazione con uno striscione affisso ai cancelli della Sala della Cultura di Via Ferrulli: “L’unica resistenza è quella etnica”.

“Viviamo in una città che è nata, cresciuta ed è stata conosciuta in tutto il mondo grazie al fascismo – dichiara Adriano Da Pozzo coordinatore regionale del Lazio – cose che spesso si dimenticano, così come vengono nascoste le malefatte della resistenza partigiana durante il finale della Seconda Guerra Mondiale: eccidi immotivati di donne, bambini e soldati, già arresi o disarmati”.

L’attacco è anche verso l’amministrazione comunale di Guidonia. “Troviamo fuori luogo che il sindaco Michel Barbet patrocini e finanzi questi eventi che continuano a mistificare la storia mentre non si riesce neanche a garantire la completa sicurezza stradale o quella dei parchi pubblici. I 5stelle, non avendo storia e struttura, seguono la corrente del momento, in tal caso quella antifascista – continua Da Pozzo – una corrente che ha dimostrato di non avere più nessun rappresentante di rilievo e soprattutto nessuno disposto ad ascoltare il suo straziante lamento”.

Forza Nuova parla di resistenza etnica. “La vera resistenza che siamo costretti ad attuare è quindi quella per la difesa della nostra nazione: 70 anni di antifascismo hanno portato ai 6 milioni di italiani non nati dall’istituzione della legge 194 che sono stati sostituiti con altrettanti immigrati, per creare un duttile esercito di schiavi a basso costo. Forza Nuova si batte da anni contro il genocidio dell’aborto e per le politiche a favore della natalità, contro l’immigrazione e per il rimpatrio – chiude Da Pozzo – altro che finte resistenze al soldo dell’invasore, l’unica resistenza è quella contro la sostituzione etnica”.

Condividi