Guidonia / Olimpiadi del Problem Solving, secondo posto per la secondaria di primo grado della Don Milani

In Roma Est da RedazioneLascia un commento

Condividi

Secondo posto nel Lazio alle Olimpiadi del Problem Solving per la squadra della secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Don Milani di Guidonia. Un risultato eccellente per la scuola, che ha partecipato alla fase regionale della manifestazione con una squadra per la secondaria di primo grado e una per la primaria, che ha chiuso la sua corsa al dodicesimo posto. “Squadre che si erano distinte tra le selezioni interne di 9 squadre – racconta Sabrina Alessandro, insegnante referente per la gara – per la primaria, alunni scelti tra le 4° e le 5° classi, e 5 squadre per la secondaria di primo grado scelti tra le classi seconde”.

La soddisfazione di studenti e insegnanti ha tuttavia una piccola macchia: enorme infatti il rammarico, visto che alla finale nazionale, per il regolamento, potrà partecipare una sola squadra.

Una competizione tutta informatica. Le Olimpiadi di Problem Solving sono rivolte agli alunni della scuola dell’obbligo: l’obiettivo è promuovere la diffusione del Pensiero Computazionale tramite attività coinvolgenti che si applicano alle diverse discipline scolastiche

Le competizioni si propongono di:

stimolare la crescita delle competenze di problem solving e valorizzare le eccellenze presenti nelle scuole;

favorire lo sviluppo e la diffusione del pensiero computazionale;

promuovere la diffusione della cultura informatica come strumento di formazione nei processi educativi (metacompetenze);

sottolineare l’importanza del pensiero computazionale come strategia generale per affrontare i problemi, come metodo per ottenere la soluzione e come linguaggio universale per comunicare con gli altri;

stimolare l’interesse a sviluppare le capacità richieste in tutte le iniziative attivate per la valorizzazione delle eccellenze.

Tre le fasi previste. La prima, quella di istituto, si è svolta nei giorni 8 e 9 marzo scorsi e ha coinvolto sia gli alunni della scuola primaria (classi IV e V) che della secondaria di primo grado, esattamente 9 squadre per la primaria e 5 per la secondaria, ciascuna squadra formata da 4 alunni.  La prova di istituto ha avuto la durata di 120 minuti, che ha visto gli alunni impegnati nella risoluzione di 12 problemi, tratti del seguente insieme: a) Regole e deduzioni. b) Grafi. c) Knapsack. d) Pianificazione. e) Statistica elementare. f) Relazioni tra elementi di un albero. g) Flussi in una rete. h) Crittografia. i) Movimento di un robot o di un pezzo degli scacchi. j) Sottosequenze. k) Fatti e conclusioni.

La seconda fase, quella regionale, si è svolta il 19 marzo proprio alla Don Milani, scelto come sede di riferimento per questo distretto scolastico: l’istituto ha ospitato la scuola secondaria di primo grado Buozzi di Monterotondo.

Questi i nomi dei semifinalisti della Don Milani. Due squadre, per la scuola primaria Aureli Davide (V A) Biritognolo Simone (V B) Mosneag Edoardo (V A) e Puglia Filippo (V B), per la scuola secondaria di 1°grado Cardoni Anna (II E), Colonnelli Thomas (II E), D’Ascenzi Giulio (II D) e Sabatini Alessandro (II D). Per la Buozzi erano presenti due squadre per la secondaria e sei alunni che partecipavano per la gara individuale. Ogni postazione è stata dotata di un dispositivo connesso ad internet e al sito delle Olimpiadi del Problem Solving, in cui ogni team con le proprie credenziali ha potuto accedere all’area riservata alla gara, esattamente alle ore 10.00 ora di inizio. Le prove erano costituite da:

–    12 item per la gara a squadre – tempo di svolgimento 90 minuti;

–    8 item per la gara individuale – il tempo di svolgimento è di 90 minuti.

La coordinazione dei vari soggetti coinvolti, affidata al referente di Istituto, nonchè animatore digitale dello stesso, l’insegnante Alessandro, coadiuvata dalle colleghe insegnanti Della Ventura, Fasolino e Boccia, dai collaboratori scolastici, in particolare quelli di via Fabio Massimo (sede della gara) e dal Dirigente scolastico Giuseppina Guarnuto.

 

Condividi