Tivoli/Il 2 aprile tra le Scuderie Estensi e le vie cittadine si celebra Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo

In Cronaca & Attualità, In Evidenza da Yari Riccardi

Condividi

Una lunga giornata di festa, dalla mattina alla sera. È una vera e propria maratona di eventi quella in programma sabato 2 aprile a Tivoli, tra le Scuderie Estensi e le vie cittadine: si celebra la  Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo, per diffondere la conoscenza sociale della sindrome autistica e per promuovere una cultura della non esclusione in tutte le due possibili declinazioni. Questi alcuni tra gli eventi in programma:

–          Tutti in Bici per l’Autismo, una passeggiata di 3 o 8 km attraverso le vie cittadine con istruttori federali

–          Passeggiata Nordic Walking per l’Autismo, 3 chilometri attraverso le vie cittadine con istruttori federali

–          Workshop “Insegnati efficaci: strategie di inclusione nel gruppo classe”: come migliorare il clima relazionale nel gruppo classe (evento gratuito aperto al personale scolastico. Per iscriversi mandare una mail a mcbivona@psicologotivoli.com)

Per il secondo anno consecutivo sono l’associazione di Promozione Sociale Krianda e L’associazione ANGSA Tivoli e Valle dell’Aniene a organizzare la manifestazione, fatta di numerosi eventi di informazione e condivisione, in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Sociali e alla Cultura e al Turismo. “L’iniziativa Nessuno Escluso – spiega Maria Luisa Cappelli, assessore alle Politiche Sociali – vuole porre l’attenzione su un problema di grande impatto sociale come l’autismo, un tema spesso dimenticato o seguito solo dagli addetti ai lavori e dalle famiglie, sensibilizzando l’opinione pubblica e favorendo la consapevolezza e la conoscenza in modo particolare tra i giovani”. Un tema condiviso in tutto il mondo, che sarà ricordato in modo fortemente simbolico nella sera del 1 aprile, quando si illuminerà di blu la facciata della Rocca Pia visibile dal lato delle Scuderie. “Mettere al modo un bambino con una sindrome autistica o con una disabilità cognitiva, fisica, emotiva può essere difficile da accettare, soprattutto se non si può contare su un solido sostegno sociale. Se invece si costruiscono comunità solidali allora la famiglia e il minore nella difficoltà, si sentiranno meno soli. L’impegno sociale di un Assessorato vuol dire anche questo, essere promotori e sostenitori di iniziative dove si co-costruiscano queste società inclusive e solidali”. Scopo ultimo di tale iniziativa sarà quello di continuare la raccolta fondi avviata dallo scorso anno con  The starlight company,  che sta devolvendo il ricavato di proprie  iniziative di danza a Krianda:  i fondi  raccolti saranno consegnati pubblicamente e finalizzati al progetto di Angsa Tivoli e Valle dell’Aniene denominato “Vivere a Colori”, ossia un progetto di integrazione e presa in carico di giovani adulti autistici pensato come Modello integrato di orientamento al lavoro e progetto di vita  dalle famiglie con ragazzi autistici.

Condividi