Meteo United States of America, Ashburn United States of America, Ashburn +8°C

Roma Est Magazine

News

Tivoli/280 firme per salvare il Parco Andersen di Villa Adriana dal degrado. Alessandro Petrini presenta interrogazione all’assessore Maria Ioannilli

Tivoli/280 firme per salvare il Parco Andersen di Villa Adriana dal degrado. Alessandro Petrini presenta interrogazione all’assessore Maria Ioannilli
24 marzo
09:30 2017

«Si sta lentamente spegnendo». Definisce così una mamma la situazione del di , che è diventata oggetto di interrogazione da parte di , consigliere comunale a Tivoli nel gruppo misto, presentata nella giornata di venerdì e indirizzata all’assessore all’Ambiente Maria Ioannilli. «Per molti anni il parco è stato un punto di riferimento per i cittadini che vi si recavano con i propri figli: qui sono cresciute tante generazioni di giovani e numerosi eventi sportivi, religiosi e di rilevanza sociale e comunitaria sono stati svolti all’interno della struttura». Siamo andati nell’area verde una soleggiata mattina. Una mamma mostra uno scivolo rotto, con il pannello lesionato tuttora a terra. Appena entrati all’interno del parco un cestino copre un buco nella pavimentazione, mentre una panchina senza un paio di stecche sul sedile “osserva” osserva poco distante. «Il parco è l’ideale per i bambini piccoli – prosegue la donna – ma è evidente che in queste condizioni diventerà sempre più difficile frequentarlo». Una fontana con alcuni rifiuti, spazzatura ammucchiata nei pressi di un muretto, un gonfiabile a terra ormai da mesi a occupare una parte del prato della zona e una griglia appoggiata senza un motivo a un chiosco completano il quadro. «Da 3 anni l’amministrazione comunale latita sui parchi. Nessuna area – attacca Petrini – è stata messa a bando, e i tanti parchi fuori uso non sono mai stati rimessi a disposizione della cittadinanza». Con l’interrogazione viene chiesto all’assessore “se è a conoscenza dello stato di degrado e abbandono del parco, se vi sono affidatari che debbano occuparsi del Parco e, in caso positivo, chi sono, se  esiste una convenzione in essere con i presunti affidatari che preveda degli obblighi a carico – si legge nel documento – degli stessi e, in questo caso, quali sono questi obblighi, se è possibile revocare l’affidamento una volta constatata l’inadempienza degli affidatari e cosa intende fare l’Amministrazione per risolvere questa problematica e ristabilire la corretta fruizione del Parco per la cittadinanza”. Con l’interrogazione sarà anche presentata la petizione, con le 280 firme raccolte che arriveranno sulle scrivanie del sindaco Proietti, dell’assessore Ioannilli e del comandante della Polizia Locale Eleonora Giusti. “La situazione del parco si perpetua da diversi mesi ed è peggiorata dopo l’apertura del nuovo Parco di Via Puglie che ha portato parte dei cittadini di a non frequentare più un parco sporco e in stato di degrado”, si legge nel testo della petizione. All’amministrazione viene richiesta una immediata bonifica e pulizia del Parco Andersen, la sostituzione dei giochi non più utilizzabili dai bambini, la messa in sicurezza e riparazione di quelli non ancora definitivamente compromessi, la  verifica della legittimità dell’affidamento e del rispetto degli obblighi in capo all’affidatario del Parco e, soprattutto, un nuovo bando per l’assegnazione dell’area verde.

dscn5551 dscn5552 dscn5553 dscn5555 dscn5556 dscn5557 dscn5558 dscn5559

 

Commenti