Dopo il 31 maggio. La testimonianza di K., Palestinese: “Non più dolore, saremmo già morti”